Sull’egoismo

Scrivo un pensiero di getto, tra le mille cose fatte oggi e le poche altre che verranno nella serata, forse le più importanti, quelle in cui ci si raccoglie e ci si ritrova, stando con gli altri o con se stessi. E da qui devo prendere il mio spunto: rifletto da un paio di giorni sulla tendenza a gravitare intorno alla propria persona in ogni istante e durante ogni azione e slancio, sull’accusa che mi è stata rivolta di esercitare nel mio modo discreto una indiscutibile forma di egoismo. Pensavo che, chissà, tutti sono egoisti a proprio modo e tutti temono di esserlo, credendosene immuni, ragionando che il proprio modo di fare è quello di persone positive e aperte agli altri, pronte persino ad arretrare con il proprio orgoglio e i propri bisogni al cospetto di quelli dell’altro. Probabilmente non è così, non è mai così, e parlarne con gli altri e con me stesso mi fa arrivare a questa conclusione forse semplice ed accessibile a tutti. E quindi finisco qui a scrivere di me, in questo luogo che è una sorta di sacrario dell’ego, dove da ogni parola trasuda l’emotività del mio vissuto, anche quando tento di dare una mia versione dei fatti in modo oggettivo e imparziale. Oggettivo e imparziale, ripeto queste parole come un mantra provando a non sentirle estranee come ora le percepisco. Su un’accusa di egoismo io mi fermo totalmente, mi inchino alla persona che me l’ha mossa, così come faccio verso chi mi muove una critica e non la seppellisce nell’indifferenza. Mi fermo anche davanti all’accusa di non saper vedere, di non poter capire. Forse lo sforzo che ho sempre fatto di voler essere equidistante e non voler mai parteggiare ha sortito l’effetto contrario. Forse l’essere stato sempre disposto ad ascoltare, ed aver dato sempre l’impressione di saperlo fare bene, ha dato come risultato un me stesso che a mia insaputa mi soverchia. Non lo so, non sono ancora in grado di andare fino in fondo, forse ci tornerò su, anche se quello che ora voglio è allontanarmi un po’ da questi pensieri.

Annunci
Categorie: Diario notturno | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: